Agriturismo e prodotti tipici

Olio, vino, miele, frutta, verdura, uova, formaggi e dintorni!

di Vogliadiagriturismo.com - 16 luglio 2009
foto articolo agriturismo

 

 Quant'è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c'è certezza.

Questi lieti satiretti,
delle ninfe innamorati,
per caverne e per boschetti
han lor posto cento agguati;
or da Bacco riscaldati
ballon, salton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia
di doman non c'è certezza. (Canzone di Bacco di Lorenzo de' Medici)

"Chi vuol esser lieto sia" professava come un credo Lorenzo de' Medici; un inno alla vita epicureo, una ricerca del piacere, anche e soprattutto quello del palato...

Sono sicuro che l'illustre mecenate fiorentino avrebbe apprezzato i prodotti tipici che si possono trovare al giorno d'oggi negli agriturismi d'Italia: olio, vino, miele, frutta e verdura di stagione, uova e formaggi...

Come non essere felici davanti al pane appena sfornato, come non sentire un piacere immenso nell'assaggiare la bruschetta con l'olio d'oliva extravergine del nuovo raccolto, come non inebriarsi del nettare degli dei, il vino e come non provare un'infinita soddisfazione nel raccogliere le uova appena deposte o nell'assistere al miracoloso procedimento della produzione del formaggio?

Se poi siamo lieti satiretti innamorati di ninfe, mentre le inseguiamo per i boschetti, possiamo soffermarci a raccogliere la frutta matura dagli alberi ubriacandoci del suo profumo, assaporandone tutto il succo e godendoci fino all'ultimo le gioie della polpa...

Ed al ritorno da una giornata passata a contatto con la natura, quale miglior cena di un piatto di verdura fresca fatto con i doni che ci offre Madre Terra: mille varieta di insalata, fiori di zucca, tripudio di peperoni, melanzane, zucchine, piselli, fagioli, fagiolini...

Non dimentichiaoci il miele, frutto dell'anima dei fiori e del lavoro delle api, dorato tesoro ricco di minerali e vitamine, che rigenera dalle fatiche della vita all'aria aperta e che varia il suo sapore e l'aroma a seconda del nettare che hanno succhiato le operaie alate!

Nel cantico dei cantici Salumìt canta a Salomone:

Con dolci d'uva e con mele
Sostentatemi e resuscitatemi
Muoio d'amore (2:5)

Ed il re risponde all'amata:

Favi colanti le tue labbra o sposa
Miele e latte nella tua bocca
Come un Libano d'aromi
Delle tue vesti l'odore (4:11)

 

Assaggia gli agriturismi con prodotti tipici

 



Loading Caricamento ...